In montagna sicuri

Nove regole per l’escursionista

1 Per le tue escursioni in montagna, scegli itinerari in funzione delle tue capacità fisiche e tecniche, documentandoti adeguatamente sulla zona da visitare. Se cammi- ni in gruppo prevedi tempi di percorrenza in relazione agli escursionisti più lenti.

2 Provvedi ad un abbigliamento ed equipaggiamento consono all’impegno e alla lunghezza dell’escursione e porta nello zaino l’occorrente per eventuali situazioni di emergenza, assieme ad una minima dotazione di pronto soccorso.

3 Di preferenza non intraprendere da solo una escursione in montagna e, in ogni caso, lascia detto a qualcuno l’itinerario che prevedi di percorrere, riavvisando del tuo ritorno.

4 Informati sulle previsioni meteo e osserva costantemente lo sviluppo del tempo.

5 Nel dubbio torna indietro. A volte è meglio rinunciare che arrischiare l’insidia del maltempo o voler superare di coltà di grado superiore alle proprie forze, capacità, attrezzature. Studia preventivamente itinerari alternativi di rientro.

6 In caso di incidente chiama il Soccorso Alpino seguendo le poche e chiare regole, indicando: il tuo nome e il tuo numero di telefono, cosa è successo, quando, genere delle ferite, esattamente dove, altitudine, condizioni meteo, ostacoli nella zona (cavi, fili, ecc…).

7 Non esitare a farti aiutare da una persona esperta.

8 Fai attenzione a indicazioni e segnaletica che trovi sul percorso.

9 E comunque… riporta a valle i tuoi rifiuti. Rispetta la flora e la fauna. Evita di uscire inutilmente dal sentiero e di fare scorciatoie. Rispetta le culture e le tradizioni locali ricordandoti che sei ospite delle genti di montagna.

Gradi di difficoltà dei sentieri

T = Turistico
Itinerario su stradine, mulattiere o larghi sentieri. I percorsi generalmente non sono lunghi, non presentano alcun problema di orientamento e non richiedono un allena- mento specifico se non quello tipico della passeggiata.

E = Escursionisti
Itinerari su sentieri od evidenti tracce in terreno di vario genere (pascoli, detriti, pietra- ie…). Sono generalmente segnalati con vernice od ometti (pietre impilate a forma piramidale che permettono di individuare il percorso anche da lontano). Possono svolgersi anche in ambienti innevati ma solo lievemente inclinati. Richiedono l’attrezza- tura descritta nella parte dedicata all’escursionismo ed una su ciente capacità di orientamento, allenamento alla camminata anche per qualche ora.

EE = Escursionisti Esperti
sono intinerari generalmente segnalati ma con qualche di coltà: il terreno può essere costituito da pendii scivolosi di erba, misti di rocce ed erba, pietraie, lievi pendii innevati o anche singoli passaggi rocciosi di facile arrampicata (uso delle mani in alcuni punti). Pur essendo percorsi che non necessitano di particolare attrezzatura, si possono presentare tratti attrezzati se pur poco impegnativi. Richiedono una discreta conoscen- za dall’ambiente alpino, passo sicuro ed assenza di vertigini. La preparazione fisica deve essere adeguata ad una giornata di cammino abbastanza continuo.

EEA = Escursionisti Esperti con Attrezzatura
Vengono indicati i percorsi attrezzati (o vie ferrate), richiedono l’uso dei dispositivi di autoassicurazione.

NUMERI UTILI

NUE (Numero Unico Europeo di Emergenza): 112
Vigili del Fuoco: 115
Soccorso Alpino: 118

METEO
www.lamma.rete.toscana.it